Home > Oculistica > La nostra tecnologia

La nostra tecnologia

Nel nostro centro vengono utilizzate le seguenti apparecchiature

NELLA DIAGNOSI

Luneau 80 Wavefront autorefrattometro e Humphrey autorefrattometro digitale vengono utilizzati su ogni paziente per misurare il difetto refrattivo o lo stadio di miopia, ipermetropia e astigmatismo.

Autorefrattometro binoculare Grand Seiko WAM5500 – oltre ai disturbi refrattivi misura anche lo stadio dell’accomodazione o della presbiopia.

Autorefrattometro pediatrico Plusoptix A09 si utilizza per effettuare una misurazione digitale dei difetti refrattivi nei bambini.

Tonometro Nidek NT510 è un’apparecchiatura diagnostica che consente di misurare la pressione intraoculare senza entrare in contatto con l’occhio. Lo utilizziamo ad ogni visita.

L’apparecchio Hagstreit BQ900 con biomicroscopio e forottero Nikon Remote vision vengono utilizzati ad ogni visita (per la visita della camera anteriore dell’occhio, per la misurazione della diottria, …).

L’anomaloscopio Tomey IF2 consente di valutare la sensibilità ai colori.
  
L’apparecchio ad ultrasuoni Quante (A-scan, B-scan, pachimetro, UBM) viene impiegato per misurare la lunghezza del bulbo e lo spessore della cornea. È molto importante anche nei controlli di malattie e modificazioni oculari e per determinare l’idoneità del paziente ad una terapia rifrattiva.

La perimetria computerizzata tramite i perimetri Haag Streit Octopus 311 e 101 consente di effettuare controlli del campo visivo con un’analisi statistica dei risultati. Questo tipo di controllo mette in evidenza difetti del fundus oculi e del nervo oculare. Si utilizza nei pazienti con elevata pressione intraoculare, pazienti diabetici, autisti, pazienti neurologici, … .

Con il topografo corneale Oculus si analizza la forma della curvatura corneale. Viene utilizzato nelle visite per le lenti a contatto e nella pianificazione delle operazioni refrattive. Il topografo segnala anche la curvatura patologica della cornea (cheratocono).

Pentacam o la camera di Scheimpflug consente di avere le immagini della camera anteriore dell’occhio con le quali l’oftalmologo può analizzare lo stato dell’intera camera anteriore.

IOL Master Zeiss e Nidek AL-scan sono apparecchi diagnostici con i quali si misura i parametri oculari e la diottria della lente intraoculare artificiale che viene inserita durante l’operazione di cataratta. L’apparecchio IOL Master ha un ruolo molto importante anche prima delle impiantazioni operative delle IOL lenti multifocali e toriche.

Le macchine fotografiche digitali Zeiss e Canon CX-1 consentono di fotografare il fondo dell’occhio anche senza la dilatazione della pupilla. Questi esami vengono eseguiti in persone affette da diabete, glaucoma, degenerazione maculare e altri cambiamenti del fondo dell’occhio. Consentono una diagnosi precisa e grazie alla documentazione fotografica rendono possibile evidenziare lo stato della retina.

Il microscopio speculare Tomey EM-4000 consente di esaminare le cellule endoteliali che costituiscono lo strato più profondo della cornea. Questo tipo di controllo viene svolto prima dell’operazione di cataratta e prima delle impiantazioni di una lente intraoculare fachica che consente di annullare la diottria.

Sinoptofor Inami è utilizzato per misurare gli angoli di deviazione oculare. Viene utilizzato anche per curare la poco sviluppata vista nei bambini.

C-Quant è un apparecchio per valutare quantitativamente l’abbagliamento.

OCTRS3000 Nidek e SOCT Copernicus vengono utilizzati per diagnosticare le malattie della retina e del nervo oculare (glaucoma).

 

iTrace include l’aberometria wavefront e la topografia corneale. Questo apparecchio fornisce la documentazione di tutti i difetti oculari anche quelli non correggibili con i dispositivi ottici normali (occhiali e lenti a contatto). Consente di analizzare la sede del difetto (cornea, l’interiore dell’occhio) a seconda della quale possiamo determinare la tecnica refrattiva più adeguata all’operazione.
  

CHIRURGIA AMBULATORIALE

Argon Coherent Novus 2000 laser verde 514 nm viene utilizzato per la fotocoagulazione (per stabilizzare le retinopatie diabetiche) e in combinazione con il laser Nd:Yag per operare il glaucoma acuto.

Il laser giallo OPSL 577 a micro impulsi è una novità nel campo di cura di malattie della retina (dell’edema maculare) che possono apparire a causa della retinopatia diabetica o occlusione dell’arteria retinale centrale e corioretinopatia sierosa centrale. Il MPL incoraggia il rinnovo cellulare ed ha in comparazione con la fotocoagulazione laser convenzionale un minore effetto termico che consente di non danneggiare la retina, non riduce il campo visivo, l’acutezza visiva e la sensibilità al contrasto. I risultati del trattamento sono molto incoraggianti. Negli Stati Uniti è in pratica già da alcuni anni, in Slovenia invece dal 2010.

Iridex verde 532nm Fotocoagulatore

Nd:YAG laser per SLT si utilizza per l’intervento chirurgico non invasivo nei pazienti affetti da glaucoma cronico e da ipertensione oculare per ridurre la pressione intraoculare.

Nd:YAG laser Nikon CS2 per il trattamento della cataratta secondaria o dell’opacità della capsula dopo l’impiantazione di una lente intraoculare artificiale.

Ultra Q Reflex e' il laser che permette attraverso lampada a fessura a forma speciale, che l' illuminazione delle aree da trattare e il raggio laser sono sulla stesso asse, riducendo così la possibilità di complicazioni (danni alla lente naturale dell'occhio o retina) e aumentando l'efficacia dei trattamenti che interferiscono opacità .

Con l’apparecchio a radio frequenze Ellman vengono effettuati interventi chirurgici minori (rimozione delle verruche, ciglia, capillari …).

Microscopio ambulatoriale Moller Wedel viene utilizzato per interventi chirurgici minori.
 

PER INTERVENTI CHIRURGICI

Laser ad eccimeri SCHWIND AMARIS 1050RS Black Limited Edition viene impiegato per la correzione della diottria durante gli interventi refrattivi. Con un direzionamento preciso degli impulsi rimuove strati sottili del tessuto retinico rimodellando e allisciando la superficie retinica.
   
L'apparecchio per la facoemulsificazione Faros di Oertli si utilizza nelle operazioni di cataratta. Fornisce una precisa liquefazione a ultrasuoni e consentono la frantumazione del nucleo catarroso e la sua rimozione dall’occhio. L'ultima tecnologia di Faros consente la massima precisione, minimmi danni ai tessuti dell'occhio e i risultati ottimali.


VEGA CBM X-linker è il sistema oftalmologico più nuovo e viene utilizzato per le operazioni di cherotocono con la tecnica dell’unione dei tessuti nel collagene corneale (Corneal Cross-linking).

Il sistema operatorio per la vitrectomia è destinato alle operazioni della camera posteriore dell’occhio.

Il microscopio operativo Moeller Wedel.